Home Crociere

Home Week end

 

Al sole

Home Altre attivit

10000 vele

Home Crociere

Shaib

Home Vaga Mente in laguna

Home Crociere

Home Corsi avanzati

Home Fiocco allalba

Seguici su Facebook

E non dimenticarti di mettere "mi piace"

Home Fiocco allalba

Statuto di MAREDIVINO Associazione sportiva dilettantistica


Art 1 Denominazione – Sede: Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in particolare sulla base dell'articolo 18, ed in ossequio a quanto previsto dagli art. 36 e seguenti del Codice Civile è costituita, con sede in Milano (...) un'associazione che assume la denominazione “Maredivino associazione sportiva dilettantistica”. In seguito “Maredivino asd”.
Il sodalizio si conforma alle norme e alle direttive degli organismi dell'ordinamento sportivo, con particolare riferimento alle disposizioni del CONI nonché agli statuti ed ai regolamenti della UISP (Unione Italiana Sport Per tutti), Ente di promozione sportiva cui l'associazione si affilia come da atto costitutivo.

Art 2 Scopi e finalità: L'associazione è un centro di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo.
Essa non ha alcun fine di lucro ed opera per i fini sportivi, ricreativi e sociali, per l'esclusivo soddisfacimento di interessi collettivi. Ha lo scopo di promuovere, e diffondere lo sviluppo della navigazione da diporto d'altura, lo sport della vela e la cultura del mare, svolgendo attività ed iniziative connesse con gli sport nautici, per tutti, uomini e donne di ogni età, condizione sociale e nazionalità, con particolare attenzione ai lavoratori, alle persone più esposte a rischi di emarginazione fisica e sociale ed alle loro famiglie.
L'associazione:
1. Organizzerà crociere nel Mediterraneo e in ogni mare del mondo. 
2. Potrà svolgere attività di assistenza ed informazione a favore dei soci nei settori comunque connessi con la nautica in genere, e organizzare corsi preparatori di navigazione costiera e d'altura e corsi per il rilascio della patente nautica.
3.  Si popone di promuovere e gestire attività culturali, ricreative, educative e formative compresa l'attività didattica per l'avvio ed il perfezionamento dell'attività sportiva dilettantistica. Maredivino asd potrà svolgere dette attività promuovendo e partecipando a regate e manifestazioni agonistiche in genere.
4.  Si impegna a esercitare con lealtà la sua attività, osservando i principi e le norme sportive al fine di salvaguardare la funzione educativa, popolare, sociale e culturale dello sport.
5. Assolve i suoi fini sociali, in armonia con la natura, impegnandosi a rispettare e a difendere il mare e a trasmettere tali valori agli associati.

Art 3 Durata: L'associazione ha una durata indeterminata e la stessa potrà essere sciolta solo con delibera dell'assemblea straordinaria degli associati.

Art 4 Soci dell'associazione: Il numero dei soci è illimitato.
Possono essere soci dell'Associazione sportiva tutti i cittadini che ne condividono le finalità e che rispettino lo statuto. Sono previsti tre categorie di soci:

Socio ordinario - Sono i soci che intendono partecipare alle attività della associazione sportiva quali crociere, regate, attività didattiche, culturali, ricreative o corsi organizzati da Maredivino asd, questi soci potranno utilizzare le barche, le attrezzature ed i servizi messi a disposizione dalla associazione per tutte le attività. Chi intende essere ammesso come socio ordinario dovrà farne richiesta scritta, su apposito modulo, al Consiglio Direttivo, impegnandosi ad attenersi al presente statuto e ad osservarne gli eventuali regolamenti e le delibere adottate dagli organi dell'associazione. I soci ordinari sono tenuti al pagamento del contributo associativo che annualmente sarà stabilito dal Consiglio Direttivo. All'atto dell'accettazione della richiesta da parte dell'Associazione il richiedente acquisirà ad ogni effetto la qualifica di socio ordinario ed avrà diritto a ricevere la tessera sociale. I soci ordinari hanno diritto di voto in assemblea. I soci ordinari sono e rimangono soci dell'associazione per il singolo anno di tesseramento e decorso tale termine perdono la qualifica di socio, salvo in caso di versamento della quota sociale per nuovo anno, senza necessità di ripresentare la domanda. In ogni caso è esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.

Socio benemerito -  Sono le persone che avendo dimostrata esperienza alla navigazione ed alla conduzione di barche a vela da diporto, o essendo professionisti in un campo attinente, si metteranno a disposizione della Associazione per tenere corsi o per la conduzione di barche a vela. La nomina a socio benemerito è deliberata dal Consiglio Direttivo e si estingue alla scadenza dell'anno solare. Nel caso che il socio benemerito sia anche armatore potrà mettere a disposizione la propria barca per le attività dell' Associazione, crociere, regate o corsi, ed avrà diritto al rimborso dei costi e delle spese di manutenzione e gestione documentate, sostenute per le attività della associazione. I soci benemeriti hanno diritto di voto in assemblea, possono partecipare alle attività dell'Associazione e non sono tenuti al pagamento della quota associativa.

Socio onorario - Sono coloro che si sono particolarmente distinti per meriti personali nel perseguire le finalità della associazione. La nomina a socio onorario è deliberata dal Consiglio Direttivo e può essere riconfermata alla nomina di ogni nuovo Consiglio Direttivo. I soci onorari hanno diritto di voto nelle assemblee dei soci, possono partecipare alle attività dell'Associazione, non sono tenuti al versamento della quota associativa. I soci fondatori di Maredivino asd sono soci onorari a vita.

Art 5 Diritti dei soci: I soci di maggiore età, in regola con le quote sociali e non soggetti a provvedimenti disciplinari, hanno diritto di partecipare a tutte le attività promosse dall'Associazione.
I soci stessi hanno diritto a partecipare alla vita associativa, esprimendo il proprio voto nelle sedi deputate, sono eleggibili alle cariche sociali tutti i soci maggiorenni purché:
1. non abbiano riportato nell'ultimo decennio, salvo riabilitazione squalifiche od inibizioni complessivamente superiori ad un anno;
2. non abbiano subito sanzioni di sospensione dell'attività sportiva a seguito di sostanze e metodi che alterino le naturali prestazioni fisiche nelle attività sportive.
Tutte le cariche sono gratuite. Il Presidente ed il Segretario hanno diritto ad un rimborso spese che sarà stabilito dal Consiglio Direttivo di anno in anno. I soci che impegnano il loro tempo nell 'organizzazione o nella conduzione delle attività della Associazione possono avere diritto ad un rimborso spese o ad altra forma di pagamento; è compito del Consiglio Direttivo definire tali rimborsi.

Art 6 Recesso – Esclusione: La qualifica di socio si perde per recesso, esclusione o a causa di morte. Le dimissioni da socio dovranno essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo. L'esclusione sarà deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti del socio:
1. che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, degli eventuali regolamenti e delle deliberazioni adottate dagli organi dell'Associazione;
2. che si renda moroso nel versamento del contributo annuale;
3. che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi dell'Associazione;
4. che in qualunque modo arrechi danni gravi, anche morali, all'Associazione.
Le deliberazioni prese in materia di esclusione debbono essere comunicate ai soci destinatari, mediante lettera (anche trasmessa per mezzo di posta elettronica), e devono essere motivate. Il socio interessato al provvedimento ha 15 giorni di tempo dalla ricezione della comunicazione per chiedere la convocazione dell'Assemblea al fine di contestare gli addebiti a fondamento del provvedimento.

Art 7 Quote associative e contributi: I soci ordinari sono tenuti a versare il contributo associativo annuale. Tale quota dovrà essere determinata annualmente per l'anno successivo con delibera del Consiglio Direttivo e in ogni caso non potrà essere restituita.
Il contributo associativo deve essere versato congiuntamente alla presentazione della domanda di ammissione.
Il Consiglio Direttivo può inoltre stabilire per la partecipazione a particolari attività organizzate dalla Associazione il pagamento di un contributo che i soci singolarmente dovranno versare per la partecipazione alle suddette attività.
Le quote o i contributi associativi sono intrasmissibili e non rivalutabili.

Art 8 Risorse economiche – Patrimonio: L'Associazione trae le risorse economiche per il suo funzionamento e per lo svolgimento delle sue attività da:
1. Quote e contributi degli associati.
2. Quote e contributi per la partecipazione e organizzazione di manifestazioni sportive.
3. Eredità, donazioni e lasciti.
4. Contributi dello Stato, delle regioni, di enti o istituzioni locali o pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell'ambito dei fini statutari.
5. Contributi dell'Unione europea e di organismi internazionali.
6. Proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianali, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali.
7. Erogazioni liberali degli associati e dei terzi.
8. Entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni anche a premi.
9. Altre entrate compatibili con le finalità sociali dell'Associazionismo anche di natura commerciale.
10. Il fondo comune, costituito – a titolo esemplificativo e non esaustivo – da avanzi di gestione, fondi, riserve e tutti i beni acquisiti a qualsiasi titolo dall'Associazione, non è mai ripartibile tra i soci durante la vita dell'Associazione, né all'atto del suo scioglimento.

E' fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitali salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. In ogni caso l'eventuale avanzo di gestione sarà obbligatoriamente reinvestito a favore delle attività statuariamente previste o accantonato per futuri acquisti connessi alle finalità dell'Associazione.

Art 9 Anno finanziario: L'anno finanziario coincide con l'anno solare. Il bilancio preventivo e quello consuntivo, devono essere redatti dal Consiglio Direttivo e approvati dall'Assemblea dei soci entro due mesi dalla chiusura dell'esercizio.

Art 10 Gli organi dell'Associazione: L'Assemblea dei soci, il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Segretario.

Art 11 L'assemblea dei soci: E' l'organo sovrano della Associazione sportiva. E' costituita con voto deliberativo dagli iscritti in regola con il pagamento delle quote associative e che non abbiano in corso sanzioni disciplinari.
E' convocata dal Consiglio Direttivo, in via ordinaria almeno una volta all'anno e, in via straordinaria ogni qualvolta il Consiglio Direttivo lo ritenga necessario o su richiesta motivata con predisposto ordine del giorno, da non meno di un quinto dei soci.
La convocazione della assemblea deve avvenire almeno quindici giorni prima dello svolgimento della riunione, essere affissa presso la sede, detta comunicazione deve indicare la data ed il luogo della riunione, l'ora della prima convocazione, della seconda convocazione, gli argomenti all'ordine del giorno ed il programma dei lavori. L'assemblea ordinaria viene convocata per discutere:
1. La relazione del presidente sull'attività svolta;
2. L'approvazione del rendiconto preventivo e consuntivo;
3. L'approvazione della quota associativa e degli altri contributi necessari all'attività sociale e gli eventuali contributi straordinari;
4. La nomina delle cariche sociali allo scadere di ogni quinquennio;
5. La discussione di tutti gli argomenti che saranno sottoposti alla sua approvazione secondo l'ordine del giorno predisposto su delibera del Consiglio Direttivo o su richiesta di almeno un quinto dei soci aventi diritto al voto;
6. L'approvazione di eventuali regolamenti;
7. L'assemblea è presieduta dal Presidente dell'Associazione ed in sua assenza da un membro del Consiglio Direttivo designato dall'Assemblea stessa. La nomina del segretario è fatta dal Presidente dell'Assemblea.

Art 12 Validità e deliberazioni della Assemblea dei soci: L'Assemblea tanto ordinaria che straordinaria sarà valida in prima convocazione quando sia presente o rappresentata la metà più uno dei soci aventi diritto al voto; in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti aventi diritto al voto.
La delibera per lo scioglimento dell'Associazione dovrà però essere presa in prima convocazione con la presenza di almeno tre quinti dei soci aventi diritto al voto. Le delibere sono prese a maggioranza semplice dei voti dei soci presenti o rappresentati nell'Assemblea, normalmente le votazioni si fanno per alzata di mano.
Sono ammesse deleghe scritte per l'esercizio del voto. Ogni socio può essere portatore di una sola delega.

Art 13 Consiglio Direttivo: E' l'organo di esecuzione delle delibere dell'Assemblea e può deliberare su tutte le materie non riservate specificatamente all'Assemblea, è convocato dal Presidente ogni qualvolta lo ritenga opportuno, la convocazione è fatta a mezzo lettera da spedire, anche a mezzo di posta elettronica, o consegnare almeno tre giorni prima dell'adunanza.
Le sedute sono valide quando vi intervenga la maggioranza dei componenti, o, in mancanza di una convocazione ufficiale, anche qualora siano presenti tutti i suoi membri. Le riunioni del Consiglio possono essere realizzate anche in via telematica.
Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta. Delle riunioni, anche per via telematica, del Consiglio verrà redatto, su apposito libro, il relativo verbale, che verrà sottoscritto dal Presidente. Il Consiglio Direttivo è fatto da un minimo di tre ad un massimo di sette membri (possibilmente in numero dispari) scelti tra i soci maggiorenni.
I componenti del Consiglio restano in carica cinque anni e sono rieleggibili, il Consiglio è presieduto dal Presidente.
Nel caso in cui per dimissioni o altre cause uno dei componenti il Consiglio tra i non eletti, oppure può nominare altri soci che rimangono in carica fino alla successiva Assemblea, che ne delibera l'eventuale ratifica. Il Consiglio Direttivo è investito dei più alti poteri per la gestione dell'Associazione.
Spetta, pertanto, fra l'altro a titolo esemplificativo, al Consiglio:
1. curare l'esecuzione delle deliberazioni assembleari;
2. redigere il bilancio preventivo e il rendiconto economico e finanziario;
3. predisporre i regolamenti interni;
4. stabilire la quota associativa, i contributi per le singole attività, i rimborsi spese, gli eventuali contributi straordinari;
5. stipulare tutti gli atti e contratti inerenti all'attività sociale;
6. deliberare circa l'ammissione e l'esclusione degli associati;
7. nominare responsabili delle commissioni di lavoro e dei settori in cui si articola la vita dell'Associazione;
8. compiere tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione dell'Associazione;
9. affidare, con apposita delibera, deleghe speciali a suoi membri.

Art 14 Presidente: Il Presidente rappresenta l'Associazione di fronte a terzi ed in giudizio, convoca e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo, sottoscrive i bilanci preventivi e consuntivi e tutti i documenti ufficiali dell'Associazione e può delegare, previo delibera del Consiglio Direttivo, altri consiglieri per lo svolgimento di singole funzioni relative ai vari incarichi. Egli presiede le Assemblee dei soci e sottoscrive la relazione dell'attività svolta durante l'anno. In assenza del Presidente tutte le di lui mansioni spettano al Segretario.

Art 15 Segretario: Il Segretario provvede al disbrigo della corrispondenza e alla tenuta ed alla conservazione dei libri sociali, compila i verbali del Consiglio Direttivo e dell'Assemblea, predispone su indicazione del Presidente l'ordine del giorno per le adunanze del Consiglio direttivo e della Assemblea dei soci.
Il Segretario inoltre ha il compito di tesoriere, quindi provvede al pagamento delle spese ed alle riscossioni delle entrate, è responsabile della cassa e depositerà le eccedenze su un conto bancario presso l'istituto di credito designato dal Consiglio Direttivo. Procede alla redazione della bozza del conto preventivo e del conto consuntivo da sottoporre al vaglio del Consiglio Direttivo e dell'Assemblea.

Art 16 Pubblicità e trasparenza degli atti sociali: Deve essere assicurata una sostanziale pubblicità e trasparenza degli atti relativi all'attività dell'associazione, con particolare riferimento ai bilanci o rendiconti annuali. Tali documenti sociali devono essere messi a disposizione dei soci per la consultazione, entro 15 giorni dal ricevimento della richiesta scritta.

Art 17 Scioglimento: La delibera per lo scioglimento dell'Associazione dovrà essere presa in prima convocazione con la presenza di almeno tre quinti dei soci aventi diritto al voto.
In caso di scioglimento della Associazione sarà nominato un liquidatore, scelto anche fra i non soci. Esperita la liquidazione di tutti beni mobili ed immobili, estinte le obbligazioni in essere, tutti i beni saranno devoluti a Enti o Associazioni che perseguano la promozione e lo sviluppo dell'attività sportiva, e comunque per finalità di utilità sociale, sentito l'organismo di controllo di cui all'articolo 3, comma 190, della legge 23/12/1996, n 662.

Art 18 Norma finale: Per quanto non espressamente contemplato nel presente statuto, valgono, in quanto applicabili, le norme del Codice civile e le disposizioni normative in materia di associazionismo dilettantistico.

 

Milano, 2 luglio 2011

Su questo sito usiamo soltanto cookies tecnici per agevolare la tua navigazione, possono comunque esserci coockies di terze parti nei link esterni.